Condividi questo articolo

Dal punto di vista dei mercati finanziari ottobre è stato un mese molto volatile, 30 giorni durante i quali sono stati moltissimi i titoli a perdere importanti percentuali di capitalizzazione.

Solo limitandoci ad alcuni dei colossi USA abbiamo assistito a cali delle quotazioni dell’ordine del 6% (Facebook), 7% (Apple), 8% (Microsoft), 14% (Google), sino ad arrivare addirittura al -20% fatto registrare da Amazon e Netflix.

Per quanto riguarda il mercato italiano non è che le cose siano andate meglio, anzi; non so se hai notato ma è da un po’ di tempo che quando le borse USA salgono, Piazza Affari rimane sostanzialmente piatta mentre quando scendono… i cali si fanno sentire anche qui da noi.

Analizzando gli indici possiamo notare che lo Standard & Poor’s 500 dal 1 al 31 ottobre ha perso il 6,91% (con un drawdown massimo del 9,55%), il FTSE MIB il 9,44% (max drawdown dell’11,75%) mentre il mercato delle materie prime ha ceduto il 5,62% (8,52% il max drawdown).

Di fronte a questi cali generalizzati come si sono comportati gli investimenti Theta Tradinvest™?

Ne ho parlato durante il mio consueto intervento del martedì pomeriggio a Le Fonti Tv con il giornalista Giuseppe Di Vittorio.

 

 

Quindi, a fronte di un drawdown del 4,47%, il Portafoglio Theta Tradinvest™ è riuscito anche nel mese di ottobre a essere in positivo; in particolare, come hai sentito nel filmato, ha guadagnato il 3,57%, un risultato già di per sé buono ma che assume ancora maggior rilievo in considerazione dei notevoli cali di mercato descritti in precedenza.

 

 

 

*Fonti per tutti i dati citati: Portfolio Analyst -Interactive Brokers.

 

Come ho fatto a realizzare questa performance? Essenzialmente grazie a 3 fondamentali vantaggi competitivi:

1) NON DIREZIONALITÀ

Il metodo Theta Tradinvest™ non lavora mai direttamente sui titoli scelti ma utilizza contratti derivati (opzioni) che permettono di operare molto distanti dai correnti prezzi di mercato. In questo modo la maggior parte dei movimenti possibili (salita, discesa o laterale) portano un profitto; addirittura in alcuni casi è possibile chiudere l’investimento in attivo anche sbagliando la previsione sulla direzione del sottostante.

2) TEMPO E PROBABILITÀ SEMPRE A FAVORE

È una diretta conseguenza del punto 1; si vendono asset soggetti a decadimento temporale in quanto caratterizzati da una scadenza ben precisa e ogni operazione messa a mercato ha almeno l’80% di probabilità di chiudersi in profitto.

3) CORRETTA DIVERSIFICAZIONE DELLE OPERAZIONI

Uno dei principi cardine del metodo Theta Tradinvest™ è quello, per ogni operazione, di prendersi poco rischio e di avere investimenti il più possibile decorrelati fra loro; in pratica è esattamente il contrario di quello che molti investitori fanno quando vanno a concentrare tutti i loro capitali su titoli dal comportamento simile e correlato (per esempio solo sul mercato azionario o solo sul valutario).

In pratica, quello che il metodo Theta Tradinvest™ fa, mese dopo mese, è “affittare” per un periodo di tempo limitato il capitale al mercato, in cambio della riscossione di premi; alla scadenza la maggior parte delle volte si incassa un profitto mediamente pari al 4-8% della somma investita, mentre in caso di forti movimenti unidirezionali contro i contratti venduti intervengono i 5 livelli di protezione previsti, così da rendere le eventuali perdite sempre recuperabili.

È quindi grazie a questo approccio decisamente nuovo e completamente differente dalle tradizionali metodologie direzionali che il metodo Theta Tradinvest™ riesce ad ottenere rendimenti migliori con qualsiasi trend (rialzista, ribassista e anche laterale) ed a sfruttare appieno 4 delle pochissime certezze presenti in borsa:

1) È sempre più facile fare corrette previsioni in merito a cosa non farà uno strumento finanziario invece che dover indovinare cosa farà;

2) Il tempo scorre sempre e solo in una direzione;

3) I prezzi fluttuano, procedendo a fasi alterne;

4) Le opzioni hanno una scadenza.

 

 

Cosa ne pensi di questi risultati? Stai già applicando il metodo Theta Tradinvest™? Oppure utilizzi altre metodologie? Come sono andati i tuoi investimenti in questi ultimi mesi? Lascia pure un commento qui sotto, la tua testimonianza potrebbe essere d’aiuto agli altri lettori.

Desideri imparare come poter replicare questi investimenti, mese dopo mese in piena autonomia, al fine di poter ricavare ritorni costanti e regolari dai mercati finanziari?

– Scarica ora gratuitamente il libro digitale di 60 pagine con consigli e soluzioni per migliorare i tuoi rendimenti ==> eBook omaggio 

-Leggi il mio libro best seller Investire con successo ==> Pagina Amazon

-Richiedi i link dei webinars gratuiti sul metodo Theta Tradinvest™ inviando una email a contatto@investireconsuccesso.com

 

Alberto Camuncoli


Amministratore delegato di una società di investimenti e di servizi advisory, opera sui mercati finanziari internazionali da metà degli anni 90 ed i suoi interventi sono ospitati in trasmissioni televisive, articoli, conferenze e seminari.

Ha prima ideato e poi perfezionato il metodo Theta Tradinvest™, l'unica operatività che, grazie alle 5 P di un Piano d’azione Predefinito, Particolareggiato, Profittevole e Protetto, consente di incassare premi ogni 30 giorni investendo sui mercati finanziari in maniera non direzionale ed avendo come potenti alleati tempo e probabilità.

È autore del libro best seller Investire con successo e del servizio Portafoglio opzioni.

 

More Posts


Condividi questo articolo
5 Comments
  • Giorgio

    Buongiorno, si può guadagnare anche quando il titolo scende?
    Giorgio Montecchi.

    Novembre 7, 2018
  • Cesare Restaino

    Prendo ad esempio la probabile operazione in prospettiva sul natural gas. Operando da manuale (Investire con successo), essendo in atto un trend rialzista, bisognerebbe vendere put.
    Io che per il momento vado sugli ETF (quindi UNG) trovo il trend confermato addirittura da tre medie: a 20, a 50 e a 100 periodi.
    Eppure nel video si consiglia di vendere call (probabilmente ritenendo che l’impennata prima o poi si esaurisca, in effetti siamo ai massimi, la volatilità implicita è alta e dall’RSI vedo che siamo in una fase di relativo ipercomprato ).
    Come si possono contemperare, allora, le due indicazioni per trarne una regola di riferimento da utilizzare anche in altri casi?

    Novembre 9, 2018
  • Cesare

    Grazie

    Novembre 12, 2018

Leave a Comment

Your email address will not be published.